Novita'

Progetti di Cooperazione Internazionale

Progetti di Educazione alla Mondialita'

Notizie e Informazioni

Perù – Bambini

domenica, dicembre 12, 2010

I bambini sono quelli che soffrono maggiormente gli effetti della crisi economico-sociale peruviana.Questi effetti si manifestano con denutrizione, malattie infettivo-contagiose, e abbandono materiale e morale.

Bambina nella periferia di Ica-Ica 2009 Nelle famiglie si evidenziano povertà, crisi di valori e violenza. Una violenza che spesso si rivolge contro gli stessi componenti del nucleo familiare, specialmente donne e bambini. La grave situazione economica delle famiglie che vivono negli asentamientos humanos o nei quartieri poveri impedisce loro di garantire le necessità primarie. I genitori devono lavorare fuori casa, lasciando i propri figli in abitazioni insicure e malsane.

Bambino nel barrio San Miguel-Lima 2004 A volte i bambini sono affidati alle cure dei fratelli maggiori o di un vicino, senza però la sicurezza che siano garantite le necessarie attenzioni e gli stimoli adeguati ad un corretto sviluppo. Questa situazione spesso favorisce, al contrario, i maltrattamenti e i casi di violenza sessuale compiuti dagli stessi familiari.

In un ricovero per bambini di strada-Lima-2004 Le caratteristiche fisiche e ambientali delle abitazioni, dei quartieri cittadini e degli asentamientos humanos costituiscono infatti un ambiente ostile, insicuro e nocivo per un corretto sviluppo del bambino e per le sue potenzialità intellettive e creative. Il riposo, il gioco e le attività culturali sono ridotti al minimo, spesso resi impossibili dalla mancanza di strutture, spazi e stimoli adeguati. Sono frequenti i casi di gravidanze precoci. Molte adolescenti tra i 15 e i 19 anni hanno già un figlio o stanno affrontando la loro prima gestazione.

Ritorno da scuola a Pachacutec-Lima 2009 Le grandi distanze che bambini e adolescenti devono percorrere per raggiungere la scuola sono inoltre altamente negative per il loro rendimento e la loro salute e comportano costanti rischi di incidenti o di aggressioni. La frequenza scolastica è molto bassa mentre parallelamente è rilevante la percentuale di analfabetismo, soprattutto nelle aree rurali del Paese.

Questo è dovuto sia alle spese per lo studio (che molte famiglie non possono sostenere) sia alla diffusione del lavoro infantile e adolescenziale. Il lavoro infantile, infatti, è generalmente accettato dalla maggioranza della popolazione che lo ritiene utile per le preziose entrate economiche aggiuntive e lo considera un importante percorso formativo, parte del processo di apprendimento che prepara un giovane alla vita adulta.



Lascia un commento